Descrizione immagine


ASSOCIAZIONE ITALIANA LIBERI DI SENTIRE ONLUS

Chi siamo

Descrizione immagine

L’ASSOCIAZIONE ITALIANA LIBERI DI SENTIRE onlus nasce nel Dicembre 2013 per volontà di un gruppo di persone, sorde o parenti di sordi, con lo scopo principale di TUTELARE ED EMANCIPARE I SORDI.

Il nome scelto, evocativo e positivo, vuole trasmettere un’idea di libertà, autonomia, capacità di vivere la vita da protagonisti che i “nuovi sordi” hanno e l’Associazione si pone come fulcro di promozione di questa nuova cultura e modo di concepire la sordità oggi. I nostri soci affetti da sordità comunicano normalmente come gli udenti e non accettano che la disabilità uditiva sia sinonimo di linguaggio gestuale perché oggi così non è e di questo deve essere informata con puntualità l’opinione pubblica per indirizzare correttamente risorse ed impegno intellettuale.

La nostra Associazione, proiettata, senza se e senza ma, verso il futuro, vuole agire attraverso un'organizzazione totalmente trasparente, che non chiede quote associative, e che si pone come obiettivo principale quello di far conoscere le  reali possibilità comunicative dei sordi oggi, di promuovere la ricerca, di controllare l'applicazione delle leggi Italiane che sono tra le più evolute dei paesi occidentali e di migliorarle, quando necessario, per adeguarle ai tempi con il fine principale di emancipare definitivamente  le persone sorde.

Noi intendiamo infatti la sordità come una disabilità ampiamente superabile perché molti di noi hanno già raggiunto questo traguardo grazie alle nuove tecnologie e all’aggiornamento medico e riabilitativo che hanno trovato terreno fertile nella profonda tradizione riabilitativa italiana  della sordità. 
Difenderemo e tuteleremo anche i diritti dei sordi, sì, ma per superare definitivamente la disabilità; si tratta quindi della ricerca di forme di assistenza veramente etica e proattiva e non di un mero e fastidioso assistenzialismo.

Questo per noi significa, ad esempio, proporre  una spending review oculata e adeguata ai tempi sia per quanto riguarda l’assistenza protesica che per le provvidenze  destinate ai sordi, partendo  però da basi concrete sia per quanto riguarda la disponibilità delle risorse, sia per individuare definitivamente gli  aventi diritto e chiedendo l’aggiornamento di tutte le normative che da troppo tempo non vengono prese in considerazione a livello normativo.

Intendiamo rivolgere la nostra attenzione e il nostro impegno verso due fronti principali: il CONTROLLO  e le PROPOSTE.
Vogliamo infatti essere un organo di controllo sull'applicazione delle leggi, sullo svolgimento di gare d'appalto, sui curriculum dei dirigenti universitari e medici che si occupano di sordità, e su tutto ciò che ruota intorno alle patologie dell’udito promuovendo la creazione di Centri di Audiologia di terzo livello che si interessano del problema da tutti i punti di vista: preventivo, curativo, protesico, riabilitativo  e assistenziale.


Le attività primarie dell’Associazione sono quindi:

Attività di opinione,  divulgazione e formazione;
Attività di ricerca (diretta e di supporto); 
Attività di beneficenza.


Possono essere soci dell'Associazione tutte le persone sorde, sia adulte che minori di età, i loro parenti e i loro benefattori (senza alcuna distinzione di sesso, razza, idee e religione) che, condividendone lo spirito e gli ideali, intendono impegnarsi personalmente per il raggiungimento delle finalità previste dallo Statuto ed a questo scopo ne fanno domanda.

L’Associazione è composta da:
l'Assemblea dei Soci (a maggio 2014 nel numero di circa 850);
il Consiglio Direttivo (Silvia Almerico, Toni Capriotti, Viola Gorni, Paola Lanzo, Rosanna Martorelli, Alberto Mantegazza, Giulia Petrillo, Valentina Pirovano, Giovanni Solfrizzi, Sabrina Spagnoli, Patrizia Trombella) che rappresentano diverse “categorie” di sordi oralisti;
il Presidente (Alessandra Di Pietro)
Il Responsabile Scientifico (dr.Sandro Burdo, Socio onorario)
il Segretario (Giovanni Solfrizzi e Giulia Petrillo);
i Rappresentanti regionali, che costituiscono una rete in grado di portare in tutte le Regioni le nostre proposte e le nostre idee;
il Tesoriere (Giovanni Solfrizzi); 
il Collegio dei Revisori dei Conti.

L'iscrizione all'Associazione Italiana Liberi di Sentire Onlus non prevede alcuna quota associativa obbligatoria, tuttavia se vuole effettuare una donazione volontaria clicchi qui.


Per saperne di più, può scaricare lo STATUTO dell’Associazione cliccando qui.

 

statuto_liberi_di_sentire.pdf