Descrizione immagine


ASSOCIAZIONE ITALIANA LIBERI DI SENTIRE ONLUS

Atresia Auris

Atresia Auris è la condizione dei bambini che nascono senza padiglione auricolare. Queste malformazioni, oltre al danno estetico, provocano anche una sordità per cui l'intervento medico deve essere duplice: funzionale per l'udito e plastico per l'estetica.


Nei casi di atresia auris  non possono essere usate le protesi acustiche tradizionali con conduzione  ossea perchè manca il supporto a cui agganciarle, cioè il padiglione.


Per questo si possono usare degli archetti tipo ferma capelli, oppure delle fasce di tessuto tipo para orecchi, oppure si può inserire chirurgicamente una vite nell'osso dove poi agganciare la protesi. Le protesi osteointegrate sono oggi le più utilizzate, ma è evidente che non possono essere usate nel bambino piccolo per cui è sempre necessario servirsi di sistemi esterni mantenuti in sede con la fascia di tessuto o con l'archetto finchè non sia possibile intervenire chirurgicamente.

Da pochi mesi il sistema con la vite, di nome Baha, è stato aggiornato con uno più pratico che permette l'accoppiamento tra la parte esterna e quella interna grazie ad un magnete, come l'impianto cocleare (Baha Attract)

L'Associazione Italiana Liberi di Sentire onlus ha appena acquistato una stampante tridiminsionale per costruire gli archetti di sostegno individuali  per i Baha attract che i bambini malformati utilizzeranno fino al momento dell'intervento.

Con la stampante abbiamo progettato anche  un craniografo con il quale prendere le misure anatomiche del bimbo, grazie alle quali si procederà alla costruzione dell'archetto personalizzato.

Dal punto di vista pratico povvederemo noi a costruire l'archetto di sostegno oppure forniremo  ai genitori il programma con cui costruirsi l'oggetto che potrà variare di colore o foggia secondo le richieste del bimbo.

Saremo operativi prima dell'estate e contiamo di offrire questo servizio presso l'Ospedale Pediatrico Buzzi di Milano, chiedendo di creare un ambulatorio ad hoc.

.........e non è finita perchè abbiamo quasi definitivamente risolto  il problema uditivo, ma stiamo valutando importanti novità anche per quello estetico perchè le attuali soluzioni di chirurgia plastica  sono troppo indaginose, molto pesanti per il paziente perchè bisogna intervenire più volte e non sempre sono in grado di ottenere risultati  soddisfacenti. Vedrete.....