Descrizione immagine


ASSOCIAZIONE ITALIANA LIBERI DI SENTIRE ONLUS

Lettera all'INPS

Il 25 gennaio 2015 abbiamo spedito una comunicazione all'INPS di Roma e di Monza per chiedere spiegazioni in merito alle comunicazioni inviate ai nostri soci neo maggiorenni relative all'indennità di comunicazione.

Descrizione immagine

E l’INPS ci ha così risposto (di seguito il testo integrale della risposta del dott. Marco Ghersevich, Direttore Centrale):


 

Con riferimento alla questione sollevata da Codesta Associazione, relativa alla richiesta di compilazione del modello AP70 per alcuni vostri Soci maggiorenni, titolari di indennità di comunicazione, si precisa quanto segue.
L’Istituto, a seguito delle innovazioni normative introdotte dal D.L. 24 giugno 2014 n. 90 convertito nella legge 11 agosto 2014 n. 114, ha fornito- con il messaggio n. 7382 dell’1 ottobre 2014- le prime istruzioni riguardanti i minori titolari di indennità di accompagnamento o di comunicazione nonché quelli rientranti nelle previsioni di cui al DM 2 agosto 2007, inclusi i soggetti affetti da sindrome di taidomide o da sindrome di down (art. 25, comma 6), richiamate successivamente dalla Circolare n. 10 del 23 gennaio 2014 (punto 3).
Nel citato messaggio viene precisato che, al raggiungimento della maggiore età, non cessa l’erogazione delle indennità indicate e vengono riconosciute le prestazioni riservate ai maggiorenni, tra cui, nel caso in esame la pensione non riversibile a favore dei sordi.
La concessione di tale prestazione, come noto, a differenza dell’indennità di comunicazione, è collegata alla sussistenza di requisiti reddituali che vengono accertati dalle strutture territoriali dell’Istituto a seguito della presentazione da parte dell’interessato del modello Ap70.
Si resta a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti

Il Direttore centrale
Marco Ghersevich

Questo significa che, al compimento del 18esimo anno di età, se si posseggono i requisiti reddituali previsti dall’INPS, è sufficiente compilare il modello AP70 per dichiararli e avere accesso alla pensione, senza dover fare altre richieste specifiche.

La lettera mandata ai nostri soci si riferiva dunque, anche se in maniera poco chiara, all’eventuale erogazione di pensione, che è svincolata e indipendente dal’indennità di comunicazione.
Può trovare comunque ulteriori indicazioni a questo link, che si riferisce al messaggio INPS n°7382, cui fa riferimento anche il direttore Ghersevich:
http://www.inps.it/bussola/VisualizzaDoc.aspx?sVirtualURL=/Messaggi/Messaggio%20numero%207382%20del%2001-10-2014.htm&iIDDalPortale=&iIDLink=-1